Lorenzo De Angelis
DISSONANT ALGO(RHYTHM)

In Galleria dieci lavori presentano il progetto DISSONANT ALGO(RHYTHM),pensato e realizzato appositamente per LINEUP, stagione dedicata alla linea, allo spazio, alla purezza della forma visiva, spudoratamente schierata dalla parte dell’essenziale.
Alla sua prima personale, De Angelis, si imbatte ambiziosamente in uno dei concetti più complessi dell’arte: lo spazio.
Partendo dall’assenza radicale di una composizione o di una realtà oggettiva, si interroga e si confronta con lo spazio, il suo spazio.
De Angelis attraverso la pittura compone ritmiee di spazi, contenitori di intenzioni razionali e irrazionali, seguendo solamente il ritmo del proprio istinto.
Il risultato sono delle tele che raccontano uno spazio altro, composte da reticoli destrutturati in grado di uscire fuori dal telaio, inteso come materia palpabile, per confondersi nello spazio infinito del concettuale, dell’essere, del visibile e del sensibile.

 “Ogni struttura è finita in sé ed è indipendente, ma è anche una parte del tutto che sta fuori all’immagine. Un continuum espansionistico, che accetta la negazione dell’infinito e si ripete ciclicamente.
Il risultato è sempre giusto e sempre sbagliato: non è questo il punto. Nella lettura di queste immagini è centrale la comprensione di come mi sono mosso entro i limiti del quadro. In questo senso la mia pittura è processuale e poggia su due colonne: la razionalità̀ e il caso, quindi lo spazio- tempo e il clinamen.
Nel primo caso abbiamo un’idea concreta; nel secondo un appoggio debole, privo di raziocinio.
Io sto nel mezzo e mi “attacco” a tutti e due. “