, , ,

Inaugurata la nuova galleria di Chiara Ronchini

Grande vuoto a Terni,
inaugurata la nuova galleria di Chiara Ronchini.
Ma le opere non arrivano

(Alessio Crisantemi)
“Ci scusiamo per il disagio”. E’ la scritta che campeggia all’interno della neonata galleria diChiara Ronchini, la CRAC di Terni, sostituendo il “Grande nero Grande bianco” che titolava la mostra di apertura, inaugurata sabato 14 ottobre. Le scuse sono dovute all’impossibilità di esporre le opere, di provenienza berlinese e riunite (ma solo virtualmente, a quanto pare) dall’esposizione ternana. Si, perché la sfortuna ha voluto che il materiale realizzato in Germania e spedito in Italia dagli artisti per l’occasione, è rimasto bloccato tra i 150mila pacchi sotto sequestro presso gli stabilimenti Sda di diverse città italiane, a causa dallo sciopero dei facchini indetto dai Cobas. Come noto dalla cronaca locale, in effetti, molti dipendenti del corriere stanno protestando a causa di una cattiva organizzazione del lavoro e della forte precarietà dei contratti, procurando enormi disagi ai consumatori. Innescando un aspro conflitto tra i lavoratori stessi provocando violenti disordini per quella che viene definita “La guerra tra poveri”.
Ma si tratta davvero di una mostra “quasi” mancata (in galleria, ci sono comunque cinque opere superstiti spedite a parte rispetto alle altre) o è soltanto una trovata commerciale, magari architettata dalla gallerista (ad arte, verrebbe da dire) per far parlare della nuova sede e dell’esposizione? È la domanda che si è posto più di qualcuno, tra i tanti visitatori accorsi per l’opening. Non può infatti sfuggire la forte attinenza tra i temi affrontati dalla mostra e la situazione di disagio annunciata. Tutte le opere degli artisti proposti – Simona Molino eMatteo Lucidi – fanno uso della pellicola da imballaggio, in una metafora del potere che il mercato ha sulla società contemporanea. Sempre più governata dagli acquisti online, dai trasferimenti di sede e da tutti gli altri motivi di “impacchettamento”. In un mondo in cui la soddisfazione di un bisogno materiale è strettamente collegata alla dipendenza del possesso; imballare e conservare come sinonimi di condizionare, influenzare, limitare la libertà d’azione. Inevitabile pensare a una trovata pubblicitaria, dunque. Invece è tutto vero. Altro che marketing. E a Terni è arrivata soltanto una parte della mostra, lasciando gallerista e artisti in balia degli eventi e alle prese con la grande decisione di rimandare o meno l’apertura.
Ma alla fine ha vinto il coraggio, con gli artisti che sono intervenuti aggiungendo alle opere superstiti alcune suggestioni rappresentative del disagio vissuto dalla mostra (e dai lavoratori Sda). «Vista la forte attinenza di ciò che sta accadendo con il tema proposto, ritenevamo importante non rimandare la mostra ritenendo che modificarla, includendo la realtà dei fatti nel progetto, sia un valore aggiunto», hanno spiegato gli artisti. «Mettere in gioco il nostro disagio da consumatori dipendenti ci sembra interessante in quanto aggiunge un aspetto performativo al risultato finale. Per questo ringraziamo la gallerista Chiara Ronchini per il pieno appoggio alle modifiche in corso e ci scusiamo per il disagio». Il risultato, per ora, è piuttosto suggestivo e in grado di suscitare emozioni. Se siano più o meno forti rispetto a quelle che avrebbe potuto suscitare la mostra completa, impossibile dirlo, per ora. Bisognerà aspettare la consegna. Per un altro disagio ben noto ai consumatori di beni acquistati online.
, , ,

Save the date | Molino & Lucidi | Früh am Morgen

Inaugurazione di Crac Gallery
Chiara Ronchini Arte Contemporanea
Sabato 14 Ottobre 2017 | ore 18.00
Terni | Via Braccini | 30 

 

A due passi dal centro, in Via Braccini 30, nasce la Galleria Crac -Chiara Ronchini Arte Contemporanea-, uno spazio dedicato ai nuovi linguaggi artistici, un luogo non luogo che pone attenzione ad ogni forma espressiva senza limiti e senza regole.

Chiara Ronchini, ha voluto realizzare con questo progetto una rete di relazioni culturali con altri luoghi e spazi per promuovere l’espressione artistica in ogni sua forma creando connessioni capaci di dare nuovi impulsi.

Crac Gallery  è uno spazio dedicato soprattutto agli artisti emergenti, multifunzionale e sperimentale vuole essere non solo espositivo ma anche promotore e produttore di progetti artistici, residenze e co-progettualità.

In occasione dell’apertura verrà presentato il progetto espositivo Grandenerograndebianco protagonista per la stagione 2017/2018 della galleria che ospiterà una personale al mese ad omaggiare l’esenziale e la grandezza di questi due colori assoluti.

 

Molino & Lucidi | Früh am Morgen

Simona Molino e Matteo Lucidi operano insieme dal 2008 utilizzando diversi linguaggi espressivi per lo più installazioni, performance e video. Con i loro lavori mettono in luce ed amplificano le capacità narrative della realtà, della cultura globale e dei condizionamenti sociali. Giocare con le dualità, le opposizioni, i punti di vista doppi è parte integrante della natura e della ricerca degli artisti che amano sollecitare forze molteplici e contrastanti.

I lavori, realizzati appositamente per la galleria, rappresentano una sintesi della loro ricerca fino a questo momento. Utilizzando la classica pellicola da imballaggio per avvolgere l’oggetto / tela, si intende sottolineare l’ambiguità tra protezione e costrizione; imballare e conservare come sinonimi di condizionare, influenzare, limitare la libertà d’azione.

Decontestualizzare l’oggetto di uso comune ne esalta la forma, crea una nuova immagine evidenziando la valenza scultorea di un prodotto industriale, il polietilene lineare a bassa densità, nato per avvolgere articoli commerciali; sta poi all’operazione di selezione degli artisti e alla loro manualità, sfruttando le proprietà elastiche e auto collanti del materiale, elevarlo e nobilitarlo privilegiandone l’aspetto estetico rispetto a quello funzionale.

Le opere, di ispirazione berlinese – luogo dove gli artisti vivono e lavorano – nascono dalla quotidiana osservazione delle strade della città invase da un flusso continuo di carico e scarico merci soprattutto di mattina presto (Früh am Morgen), con un rimando in chiave moderna ai lavori di importanti artisti italiani come gli Achrome manzoniani o le plastiche e i cellophane di Alberto Burri.

 

,

GRANDENEROGRANDEBIANCO

Stagione 2017-2018 Ottobre/Giugno
Omaggio all’essenziale.

Il Bianco e il nero.

Il principio di ogni cosa; il  positivo e il negativo, il tutto e il niente,  il pieno e il vuoto, la presenza e l’assenza.
La grandezza della semplicità ha un fascino inimitabile nella sua essenza estetica e  concettuale.
La potenza dell’essenziale inganna,  nella semplicità risiede la complessità.
Bianco e Nero celano l’infinità di colori della vita e le sue mille possibilità.
La bellezza di un bianco o di un nero è esplicita nella sua immediatezza, nella sua trasparenza, e noi instancabilmente ne siamo attratti.
Omaggio all’essenziale è anche un omaggio a tutti gli artisti che sono stati grandi con la semplicità, artisti che hanno conquistato un pezzo di storia dell’arte destinato all’eternità, artisti che hanno fatto la storia dell’arte e che ancora oggi influenzano volontariamente o involontariamente tutta l’arte.
Artisti che non serve studiarli per capirli, perché è sufficiente trovarsi di fronte a una loro opera per capire la grandezza dell’arte.
L’arte si comprende attraverso le emozioni, si studia in base ai brividi che un’opera è in grado di suscitare e quanto è in grado di rimanere in vita.
Ritrovarsi davanti ad un’opera come Grande Bianco e  Grande Nero del 1952 di Alberto Burri, senza fiato, è la prova della maestosità e dell’immortalità dell’arte.

Bianco e Nero sono il simbolo della complessità di un mondo, da qui la loro potenza espressiva.
Grandenerograndebianco è un ciclo di personali pensato per tutta la stagione espositiva della Galleria che andrà da Ottobre a Giugno.
Agli artisti è stata chiesta massima libertà di espressione arrivando all’essenzialità della loro creazione per comunicare quello che di più potente c’è in ognuno di loro.

“Sperimentate, osate, fate quello che avete sempre voluto fare e mai fatto, immaginate il mio piccolo spazio come una gigante tela bianca; il principio di tutto: il bianco il nero , la vostra arte e voi.”

GRANDENEROGRANDEBIANCO

A Tribute to all that is essential.
White and black.
The beginning of everything;  positive and negative, everything and nothing, full and empty, the presence and the absence.
The greatness of simplicity has an inimitable charm in its aesthetic and conceptual essence.
The power of the essential deceives, simplicity lies in the complexity.
White and Black conceal the infinity of colours of life and its many possibilities.
The beauty of white or black is explicit in its immediacy, in its transparency, and we are tirelessly attracted to it.
A Tribute to the essence is also a tribute to all the artists who have been great with simplicity, artists who have conquered a piece of the history of art and are destined for eternity, artists who have made this history and are still today influencing,  voluntarily or involuntarily, all art.
Artists who do not need to be studied them to be understood, because it is sufficient to face with their work in order to understand the greatness of art.
Art is understood through emotions, it is studied on the basis of the emotions that a piece of art is able to elicit and how long that emotion can last.
Finding oneself in the presence of a Great White and Great Black from1952 by Alberto Burri, and feeling breathless, is proof enough of the majesty and immortality of art.
White and Black are the symbol of complexity of a world, hence their expressive power.

Grandenerograndebianco
is a cycle of personality designed throughout the exhibition season of the Gallery, which will be from October to June.
Artists have been asked for maximum freedom of expression thus reaching the essence of their creation and communicating that which is most powerful in each of them.

“Experiment, dare, do what you’ve always wanted to do and never have done, imagine my little space as one enormous white canvas; the beginning of everything: of white and black, of your art and of you. “